Questo sito usa i cookies solo per facilitare la navigazione

Casomai

Referenti: Eugenio e Maria Pia Bitelli

Da diverso tempo, l’appuntamento con la messa domenicale delle 10 è diventato un importante rifermento per i giovani che sono entrati a far parte attiva della comuntà parrocchiale iniziando a frequentare il catechismo e la partecipata messa dei bambini.

Le amicizie tra i bambini hanno portato anche al coinvolgimento dei genitori, che hanno così iniziato a conoscersi, prendendo insieme il caffè in un bar, al termine della messa.

Da cosa nasce cosa e … caffè dopo caffè, queste coppie si sono interrogate su quale fosse il loro ruolo all’interno della comunità, su cosa desideravano trovare, su cosa, per contro, potevano offrire.

Il desiderio di condividere queste esperienza di conoscenza-amicizia con altre persone, ha reso necessario individuare uno spazio entro le mura della parrocchia. 

Il Parroco, entusiasta di questa proposta, l'ha ufficializzata invitando lui stesso la comunità a prendere un caffè, al termine della Messa dello ore 10, nei locali parrocchiali.

La risposta dei parrocchiani è stata immediata ed entusiasta!

Poche parole quindi per raccontare le motivazioni di questo stare insieme.

Inizialmente, un piccolo gruppo di 4-5 famiglie con figli (bambini e/o adolescenti) ha scoperto di avere in comune l’esigenza di riprendere esperienze tipicamente giovanili (oratorio, gruppi giovani, …), che li avevano accompagnati e formati nella fede, ma interrotte in quel periodo della vita in cui si diventa partecipi in maniera più attiva nella società: il matrimonio, il lavoro, i figli. Infatti, se da una parte permettono di inserisi a pieno titolo nel mondo, dall’altra rischiano di marginalizzare il cammino di crescita nella fede, rendendo difficile la partecipazione attiva in una comunità parrocchiale.

Se è vero che nella parrocchia esistono diversi gruppi che rispondono a varie esigenze di cammino e di impegno, ciò che a queste coppie sembrava mancare era la consapevolezza di essere parte integrante di una realtà senza essere impegnati in attività specifiche, che richiedono costante impegno, spesso inconciliabile con la vita privata. 

Vivere la vita parrocchiale, cioè, come si vive quella familiare, composta da individui diversi che non necessariamente condividono i diversi impegni ma che, nonostante tutto, affrontano insieme le sfide e condividono gioie e dolori dei loro componenti.

Hanno, perciò, pensato ad un gruppo di adulti (non solo coppie) che fosse disposto ad assumere il ruolo di connettivo tra le diverse realtà parrocchiale e che avesse voglia di accoglienza, partecipazione, disponibilità e condivisione. Caratteristiche tipiche delle realtà familiari. 

Non un impegno specifico, quindi, ma la disponibilità di uno spazio aperto, una porta dalla quale entrare o uscire senza costrizione di tempo e vincoli di partecipazione, in cui è sempre presente la certezza che ogni volta sarai ben accetto.

Ecco alcune proposte elaborate dal gruppo:

AGGREGAZIONE: condividere una tazza di caffè o di tè al termine della messa (noi ci siamo incontrati così).

FORMAZIONE: alla luce del tema dell’Anno Liturgico, programmare altre occasione di incontro, sulla traccia del Vangelo nelle case, su necessità ed argomenti condivisi.

SERVIZIO: qualunque cosa in cui ci sia bisogno di manodopera entusiasta.

STRUMENTI DI COMUNICAZIONE: è stata predisposta una mailing-list di coloro che si sono aggregati.

Per identificarsi, il gruppo ha pensato di chiamarsi CASOMAI:

  • CASOMAI abbiate tempo e voglia di ……..

  • CASOMAI vogliate fare qualcosa senza sentirvi troppo “impegnati” ...

  • CASOMAI abbiate bisogno di ………

  • CASOMAI …….

Se desiderate informazioni aggiuntive o siete interessati a questo gruppo, è sufficiente, dopo la Messa domenicale delle ore 10, farsi offrire ... un caffè! 

Contattaci

Tel.: +39 011 599233
Fax: +39 011 593006
Email: segreteria parrocchiale
Email: amministrazione parrocchiale
Website: www.parrocchiacrocetta.org
corso Einaudi 23 - 10129 Torino TO
IBAN: IT 09W 0335901600100000007699