Questo sito usa i cookies solo per facilitare la navigazione

b_150_100_16777215_00_images_pubblicazioni_crocetta_2016_1_w.png

Carissimi parrocchiani e amici,

  • è “misericordia” la parola che è tornata più insistente in questo anno pastorale. La richiama anche il cartellone collocato in chiesa sull’altare ai piedi della Croce: “Misericordiosi come il Padre”. È il messaggio – cuore della vita dell’insegnamento di Gesù, che Papa Francesco ha voluto rilanciare come programma di vita al mondo intero in questo anno del Giubileo. Nella parola “misericordia” è contenuta anche un’altra paroletta “cor” – sì, il cuore! Perché Dio è cuore che ama. Perché l’uomo non può vivere senza cuore che ama ed è amato. Perché un’umanità senza cuore non è… umana. Perché una comunità cristiana senza cuore non è… cristiana. Misericordia… cuore… non è sentimento superficiale e passeggero, ma è stile di vita! Per questo Papa Francesco ci invita a riscoprire e a rivivere in chiave moderna le opere di misericordia corporale e spirituale. Ogni mese la nostra comunità ne richiama due, una corporale e una spirituale, alla preghiera dei fedeli e attraverso i cartelloni posti all’uscita dalla chiesa.
  • è corresponsabilità la parola forte della recente visita pastorale del nostro Arcivescovo alle sei parrocchie della nostra Unità Pastorale. L’ha richiamata con passione nell’omelia alla Messa celebrata qui alla Crocetta, domenica 10 gennaio. Ha invitato i cristiani a vivere l’appartenenza alla chiesa, alla parrocchia in un crescendo che va dall’essere partecipanti, all’essere collaboratori, all’essere corresponsabili. Le modalità concrete le ha indicate nella lettera che, a conclusione della visita pastorale, ha inviato alle nostre parrocchie e che riportiamo integralmente nell’inserto di questo giornalino. Vale la pena leggerla con calma e integralmente.
  • è ancora “misericordia” la parola chiave che Maria evoca nel suo cantico di lode a Dio, il Magnificat; “di generazione in generazione la sua misericordia si stende …” Lei, Maria ne ha di esperienza. Si è sentita amata da Dio. Per questo è stata capace di un amore tenero e forte come le madri sanno donare. Per questo nella “Salve Regina” la invochiamo “madre di misericordia”. Lo faremo soprattutto nella Processione a Maria la sera di giovedì 26 maggio, nella festa patronale. Quella sera porteremo in preghiera a Maria il cammino della nostra comunità perché sia fedele ai richiami alla misericordia di Papa Francesco e agli stimoli alla corresponsabilità del nostro Arcivescovo. Queste le “grazie” che chiederemo a Maria, onorata nella nostra parrocchia come Beata Vergine delle Grazie. Buona festa! Buona vita!

+ don Guido

Contattaci

Tel.: +39 011 599233
Fax: +39 011 593006
Email: segreteria parrocchiale
Email: amministrazione parrocchiale
Website: www.parrocchiacrocetta.org
corso Einaudi 23 - 10129 Torino TO
IBAN: IT 09W 0335901600100000007699